Papa: pregare il Rosario in ottobre per proteggere la Chiesa dagli attacchi del diavolo

Papa: pregare il Rosario in ottobre per proteggere la Chiesa dagli attacchi del diavolo

ROME, ITALY - MAY 04:  Pope Francis attends the recitation of the Rosary at Basilica di Santa Maria Maggiore on May 4, 2013 in Rome, Italy. This is Pope FrancisÕ second visit to the Basilica of Saint Mary Major, the first being the day after his election to the papacy.  (Photo by Franco Origlia/Getty Images)

ROME, ITALY – MAY 04: Pope Francis attends the recitation of the Rosary at Basilica di Santa Maria Maggiore on May 4, 2013 in Rome, Italy. This is Pope FrancisÕ second visit to the Basilica of Saint Mary Major, the first being the day after his election to the papacy. (Photo by Franco Origlia/Getty Images)

 

I fedeli sono invitati dal Papa a concludere la recita del Rosario con la preghiera “Sub tuum praesidium”, antichissima composizione poetico-musicale dedicata a Maria Santissima (III sec d.C), e con la preghiera all’Arcangelo Michele composta da Leone XIII il 13 ottobre del 1884.

L’invocazione “Sub tuum praesídium” recita così:

“Sub tuum praesídium confúgimus,
sancta Dei Génetrix;
nostras deprecatiónes ne despícias in necessitátibus,
sed a perículis cunctis líbera nos semper,
Virgo gloriósa et benedícta”.

[Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio, santa Madre di Dio: non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova, e liberaci da ogni pericolo, o vergine gloriosa e benedetta.]

Con questa richiesta di intercessione, il Santo Padre chiede ai fedeli di tutto il mondo di pregare perché la santa Madre di Dio ponga la Chiesa sotto il suo manto protettivo: per preservarla dagli attacchi del maligno, il grande accusatore, e renderla allo stesso tempo sempre più consapevole delle colpe, degli errori, degli abusi commessi nel presente e nel passato, e impegnata a combattere senza nessuna esitazione affinché il male non prevalga.

Il Santo Padre ha chiesto anche che la recita del Santo Rosario durante il mese di ottobre si concluda con la preghiera scritta da Leone XIII:

“Sancte Míchael Archángele, defénde nos in próelio;
contra nequítiam et insídias diáboli esto praesídium.
Imperet illi Deus, súpplices deprecámur,
tuque, Prínceps milítiae caeléstis,
Sátanam aliósque spíritus malígnos,
qui ad perditiónem animárum pervagántur in mundo,
divína virtúte, in inférnum detrúde. Amen”.

[San Michele Arcangelo, difendici nella lotta, sii nostro presidio contro le malvagità e le insidie del demonio. Capo supremo delle milizie celesti, fa’ sprofondare nell’inferno, con la forza di Dio, Satana e gli altri spiriti maligni che vagano per il mondo per la perdizione delle anime. Amen.]

a cura di Elisabetta Gadaleta

You may also like...