ComUnione, primo numero del nuovo anno pastorale

Download post in pdf

Con il nuovo anno pastorale parrocchiale appena iniziato, riprendono anche le attività redazionali della redazione del giornale parrocchiale ComUnione, grazie alla collaborazione di alcuni Giovanissimi della Parrocchia, dei relativi responsabili del gruppo Giovani/ssimi di AC, dei componenti dell’Equipe parrocchiale delle Comunicazioni Sociali e di alcuni operatori pastorali parrocchiali il cui apporto redazionale è sempre importante.
Il primo piano è dedicato al Convegno diocesano pastorale, svoltosi nei giorni 21 e 22 settembre, di cui offre una prima introduzione il direttore responsabile, Marcello la Forgia (la sintesi dei vari interventi sarà poi pubblicata sui vari numeri del giornale parrocchiale), che sintetizza anche gli aspetti più importanti dell’intervento della dott. Annalisa Caputi, docente di Filosofia teoretica alla Facoltà Teologica Pugliese.
Con l’inizio del nuovo anno pastorale, la comunità parrocchiale è proiettata anche alla Novena in onore dell’Immacolata Concezione (dicembre 2016) grazie alla pia pratica delle Dodici Stelle (articolo di Anna Maria Farinola).
Il giornale parrocchiale si arricchisce di alcune novità: su ogni numero sarà riportato un intervento pastorale-formativo del Papa o del Vescovo, per invitare i lettori a una riflessione più approfondita della loro vita da cristiani. Il numero di ottobre ospita, dunque, alcuni estratti dell’omelia del Papa pronunciata a Santa Marta il 22 settembre 2016, in cui il Santo Padre si sofferma su tre peccati (vanità, orgoglio, cupidigia).
Infine, il giornale si chiude con la rubrica di attualità (estratto dell’articolo di Luciano Moia, pubblicato su Avvenire, che analizza alcuni aspetti del Fertility Day) e con la rubrica teologico-liturgica di Gaetano la Martire che si sofferma sui riti di introduzione della Santa Messa.

Il giornale parrocchiale ComUnione può essere ritirato in Parrocchia all’ingresso in Chiesa oppure scaricato in formato pdf.

Puoi anche leggere ...

Per inviare un commento, completa il seguente form

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori devono essere compilati