Diffidenza – Vangelo e Vita

Li rimproverò per la loro incredulità e durezza di cuore, perché non avevano creduto a quelli che lo avevano visto risorto.
Mc 16,9-15
qui il testo: bit.ly/3s4DeYT
DIFFIDENZA
C’è una incredulità, una diffidenza, una durezza di cuore, che fa da impedimento all’esperienza della fede.
La durezza non è sempre frutto di superficialità o magari di malizia, ma a volte si è duri di cuore perché la vita ci ha spinto ad indurirci. Chi ha avuto un’infanzia difficile, magari sviluppa una diffidenza così grande nei confronti degli altri che, anche quando l’altro è Cristo, non riesce comunque ad abbassare le difese.
Ciò che di faticoso ci portiamo a livello orizzontale nelle nostre relazioni, ce lo portiamo anche nella nostra vita spirituale. Ma la rivoluzione sta nel sapere che noi non siamo privi di scelta. E anche se per molti anni abbiamo vissuto all’insegna della diffidenza, non siamo condannati a vivere per sempre così.
Pasqua è ricordarsi che possiamo disobbedire alla durezza di cuore e lasciare che il Signore ci stupisca.
Pasqua è fidarsi anche dell’esperienza degli altri. Di coloro che il vangelo chiama testimoni e che altro non sono che persone che ci sono passate prima di noi.
“Signore Gesù, risorto e vivente in mezzo a noi, vinci la mia durezza di cuore e la mia incredulità.”
don Nino Prisciandaro

amministratore

Questa è la descrizione dell'Amministratore del sito.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *