25 Aprile: lettera agli aderenti del presidente parrocchiale di Azione Cattolica

Cari Aderenti di AC e Amici della comunità parrocchiale,

nell’ultimo consiglio parrocchiale di Ac, convocato in videochat il 12 marzo, ci eravamo proposti che questo 25 aprile sarebbe stata un’occasione per fare una uscita tutti insieme, ragazzi, giovanissimi, giovani e adulti di AC e non (per chi avesse voluto partecipare) per vivere una giornata di lieta fraternità, nella natura del Bosco Scoparello. Un momento diverso dai consueti incontri formativi, in cui a formarci sarebbe stato proprio lo stare insieme con il gioco, il canto, la condivisione di un pasto frugale, la preghiera semplice…

Così non è stato, purtroppo, ma questo è un appuntamento soltanto rinviato a tempi migliori. Che ci saranno, ne siamo certi! Abbiamo bisogno di ritrovarci, di rinsaldare le relazioni, di confrontarci in contesti diversi, di contagiarci di gioia, di allargare il cerchio delle amicizie.

Oggi restiamo a casa, concentrati nel rispetto delle norme anticontagio che dobbiamo fare nostre senza sconti per evitare che i sacrifici fatti sinora siano vanificati da comportamenti insensati.
Oggi, 25 aprile, ci concentriamo su valori civici che troppo spesso vengono banalizzati o vilipesi (come qualche stupido giornalista si permette di fare sui pulpiti televisivi).

In questo periodo restiamo uniti con la partecipazione alla S.Messa  – che don Gianni non ci fa mancare ogni domenica e durante il triduo pasquale -, con gli incontri in videochat che abbiamo fatto il sabato sera a livello unitario, con gli incontri a distanza dei diversi gruppi, con l’impegno di solidarietà mediante la raccolta di viveri e le offerte per la Caritas parrocchiale (che è ancora possibile fare). In questi giorni sta partendo un servizio cittadino di numero verde e assistenza ad anziani o a minori per lo studio a distanza, in cui alcuni di noi si sono coinvolti come volontari. Non mancano attività più ludiche per i più giovani sui social, a livello parrocchiale o diocesano o cittadino.

Siamo in attesa delle nuove disposizioni governative per la “fase 2” e in relazione a queste il consiglio parrocchiale si riunirà per riprogrammare la vita associativa. Intanto, dal 7 al 16 maggio vivremo la novena e la festa alla Madonna delle Grazie e sapremo a breve come potremo coinvolgerci per rendere più forte il nostro desiderio di affidare alla Mamma celeste le nostre vite, la nostra Comunità parrocchiale, l’intero nostro mondo.

Buon 25 aprile e buona domenica!

Gino Sparapano, presidente parrocchiale di Azione Cattolica