Nuovo anno pastorale: nuova veste per il giornale parrocchiale ComUnione

Download post in pdf

Alle soglie del nuovo anno pastorale parrocchiale, riprende anche l’attività redazionale del giornale parrocchiale “ComUnione” che si riconferma nei suoi redattori e che, da quest’anno, sarà stampato a colori dalla Tipografia Mezzina di Molfetta. Questo primo numero (mese di ottobre) riporta, in primo piano, l’articolo di Maria Cristina Roselli (componente dell’Amministrazione dell’Associazione Femminile Immacolata) sulla consueta pia pratica parrocchiale delle Dodici Stelle in onore dell’Immacolata Concezione.
Marianna Scattarrelli e Anna Maria Caputi, invece, hanno sintetizzato l’intervento di don Michele Falabretti, direttore del Servizio Cei di Pastorale giovanile, nella prima giornata del Convegno pastorale Diocesano dello scorso 20 e 21 settembre («I giovani nel documento preparatorio del sinodo 2018»).

Non mancano, anche per questo anno pastorale, le tre rubriche che hanno arricchito la riflessione negli ultimi anni. In primis, la Rubrica del Santo del Mese (Beato Bartolo Longo), quest’anno affidata a Nella Sancilio, che assume una particolare tonalità meditativa: in linea con la declinazione pastorale diocesana – la famiglia e i giovani – ogni mese la rubrica sarà dedicata alle figure di santi e beati, sposi, famiglie e giovani che hanno vissuto le virtù avendo come fonte il Vangelo. La loro vita e le loro azioni saranno motivo di riflessione.
Per la Rubrica teologico-liturgia, sempre curata da Gaetano la Martire, il tema che inizia quest’anno pastorale è quello dei Sette sacramenti, a partire dal battesimo. Per rileggere, invece, i precedenti approfondimenti sulla Santa Messa, è possibile visitare la pagina dedicata (scopri di più).
Infine, per la Rubrica di Attualità, Arcangelo Pasculli e Giovanni Luca Palombella si sofferma su una nuova importante scoperta scientifica: si sta, infatti, sperimentando una tecnica per trasformare le cellule adulte del corpo umano in cellule staminali analoghe a quelle embrionali. La principale differenza rispetto alle già possibili alternative di cura risiede nel fatto che non siano prelevate cellule dagli embrioni che in questo modo sarebbero distrutti violando il diritto alla vita.

Il giornale parrocchiale può essere scaricato in pdf (download) o ritirato in Parrocchia.

 

Puoi anche leggere ...

Per inviare un commento, completa il seguente form

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori devono essere compilati