Settenario alla Beata Vergine Addolorata, contemplare i dolori di Maria

Download post in pdf

Il Settenario alla Beata Vergine Maria Addolorata è una delle numerose pie pratiche quaresimale, in cui si contemplano i 7 dolori di Maria, in preparazione al Venerdì di Passione, giorno in cui sono ricordati i dolori della Beata Vergine Maria Addolorata (la rivelazione di Simeone, la fuga in Egitto, lo smarrimento di Gesù dodicenne nel Tempio di Gerusalemme, l’incontro con Gesù sulla via del Calvario, la crocifissione, la morte, la ferita al costato e la deposizione sul Calvario, la deposizione di Gesù tra le braccia di Maria sotto la croce, la sepoltura di Gesù e le lacrime e la solitudine di Maria).
Nella Parrocchia san Bernardino il settenario sarà recitato prima della messa delle ore 8.00 e delle ore 18.30 e si concluderà il 26 marzo (il 27 marzo, venerdì, sarà commemorata la Beata Vergine Addolorata).
In particolare, questo settenario nasce dalla rivelazione della Madre di Dio a Santa Brigida: chiunque reciti sette “Ave Maria” al giorno, meditando sui suoi dolori e sulle sue lacrime, e diffonda questa devozione, godrà dei seguenti benefici, ovvero la pace in famiglia, l’illuminazione circa i misteri divini, l’accoglimento e la soddisfazione di tutte le richieste purché siano secondo la volontà di Dio e per la salvezza della sua anima, la gioia eterna in Gesù e in Maria.

Puoi anche leggere ...

Per inviare un commento, completa il seguente form

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori devono essere compilati