Ottavario, Siracide: ricordati della tua fine e non cadrai mai nel peccato

Download post in pdf

Nella Chiesa cattolica l’Ottavario è una serie di otto giorni dedicati a cerimonie e a preghiere prima o dopo una solennità religiosa. Nel mese di novembre, dedicato alla Commemorazione dei Defunti, i cristiani, più che in ogni altro tempo, hanno presente un ammonimento della Bibbia: «In tutte le tue opere ricordati della tua fine e non  cadrai mai nel peccato» (Siracide 7, 36). Dopo la morte vi è il giudizio, ma chi ama non teme né l’una né l’altro. Nella Parrocchia san Bernardino, l’Ottavario si svolgerà dal 2 (Commemorazione dei Defunti) al 9 novembre, con la celebrazione eucaristica delle ore 18.30 (rosario alle ore 18.00). Solo per venerdì 7 novembre il consueto programma sarà anticipato di mezz’ora essendo primo venerdì del mese (adorazione eucaristica comunitaria): il rosario sarà recitato alle 17.30, mentre la celebrazione eucaristica alle ore 18.00 (seguiranno alle ore 19.00 e alle ore 20.00 due adorazioni).
La Chiesa, inoltre, per suffragare le anime del Purgatorio propone anche la pratica delle “indulgenze”. Queste ottengono la remissione della pena temporale dovuta per i peccati. Ogni colpa, anche dopo il perdono, lascia come un debito da riparare per il male commesso. La Chiesa traendo dal suo tesoro spirituale, costituito dalle preghiere dei Santi e dalle opere buone compiute da tutti i fedeli, quanto è da offrire a Dio perché “condoni” alle anime dei defunti quella pena che altrimenti essi dovrebbero trascorrere nel Purgatorio.  Per ottenere l’indulgenza plenaria per un caro defunto, occorre l’intenzione di non ricadere in una situazione di peccato, anche se veniale, la riconciliazione con Dio attraverso il Sacramento della Confessione, la Comunione Eucaristica, la recitazione di una preghiera secondo le intenzioni del Sommo Pontefice (è possibile fare la Confessione entro 8 giorni prima e 8 giorni dopo il giorno in cui ricevo l’indulgenza, quindi con una sola Confessione sacramentale posso acquistare più indulgenze plenarie).

 

Puoi anche leggere ...

Per inviare un commento, completa il seguente form

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori devono essere compilati