Natale, l’amore donato dal Bambino Gesù: gli auguri di don Pasquale

Download post in pdf

Carissimo, ogni anno, il mese di dicembre si colora di luci meravigliose e si carica di suoni affascinanti che invitano tutti a considerare la bellezza della vita e della famiglia. Infatti, Natale significa ricordare e rivivere, nel nostro tempo, Gesù, il Figlio dell’Altissimo, che nasce dalla Vergine Maria, povero e umile, per amore nostro. Natale è la festa dell’Amore di Dio per noi! Amore che, ancora una volta, ci viene donato dallo sguardo e dai vagiti del Bambino Gesù che ci invita a sperare in Lui con coraggio e gioia. La nascita di Gesù non è una favola o una storiella per far addormentare i bambini, ma è l’evento che ha sconvolto il mondo, inondandolo di luce: Gesù è realmente esistito, la storia con Lui è diventata tempo di grazia e occasione di salvezza, perché è il Figlio di Dio che viene con e tra noi. Ma Gesù è vivo, ancora oggi, nella sua Parola, nei Sacramenti della fede, nella testimonianza di uomini e donne che vivono radicalmente il Vangelo, nei poveri, nei sofferenti e in ognuno di noi. Attraverso la voce della coscienza, Dio ci parla e ci esorta ad uscire da noi stessi per farci abbracciare dal Bambino di Betlemme.
Abbiamo bisogno di pace, di amore, di giustizia, di onestà, di sincerità, di grazia, di bellezza: tutto questo è il regalo che, a Natale, Gesù vuole fare a ciascuno di noi se saremo capaci di accoglierlo non per forza, ma volentieri e con gratitudine.
Sicuramente saranno Maria e Giuseppe a voler donare alle nostre famiglie la grazia dell’unità e la comunione profonda. La famiglia che nasce dal matrimonio, benedetto da Dio, consacra l’amore tra un uomo e una donna e lo rende fecondo: essa è il tesoro di ogni figlio, la speranza per una società più “educata”, il bene da custodire e da testimoniare con la coerenza della fedeltà e la gioia della generosità. Portiamo alla grotta di Betlemme il nostro cuore con i suoi desideri più profondi e le sue speranze.
Non facciamoci rubare il sorriso dalle labbra, non spegniamo la luminosità dei nostri occhi, non rattristiamoci per le difficoltà che rendono più faticoso il cammino: con noi c’è Gesù. Fidiamoci di Lui, affidiamoci a Lui, confidiamo in Lui: è la Vita del mondo! Vivere il Natale significa accogliere Cristo nella semplicità del cuore, nella consapevolezza di sapersi e sentirsi amati da Lui. Da questa certezza, nasce la fede che ci rende capaci di guardare noi stessi, gli altri e il mondo con gli occhi di Gesù. Dio conosce il bene e il male presente nel mondo, ma, allo stesso tempo, ha cura dei suoi figli e sicuramente ci donerà la sua grazia per dare inizio a una nuova generazione di santi che, attraverso la rivoluzione dell’amore, diano nuova linfa al nostro mondo, invecchiato a causa del peccato, dell’egoismo e della morte.
Non siamo soli, con noi c’è la Chiesa, la nostra famiglia spirituale, con tanti fratelli e sorelle che sono in cammino con Cristo. Non estraniamoci dalla Chiesa: isolarsi significa morire! Anzi, impegniamoci per renderla più bella con la presenza, l’impegno, la preghiera e la santità della vita. La Chiesa ha bisogno di te: tu sei il suo vero tesoro, come ogni figlio lo è per la madre.

Ti aspetto nella nostra parrocchia per far festa a Gesù, durante la celebrazione della Santa Messa, e per scambiarci di persona gli auguri di pace!

Il Signore ti benedica e ti sostenga oggi e sempre e volga verso di te il suo sguardo sereno e benigno.

Ricordami nelle tue preghiere, come anch’io faccio per te e per chi hai nel tuo cuore, ogni giorno!

Auguri di Buon Natale e di un Anno ricco di grazia.
Con affetto

 

don Pasquale Rubini
parroco

 

Puoi anche leggere ...

Per inviare un commento, completa il seguente form

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori devono essere compilati