Comunicazioni Sociali 2015: mandato agli Animatori della Comunicazione

Download post in pdf

Si celebra ogni anno, nella domenica dell’Ascensione, la Giornata Mondiale delle Comunicazioni sociali e del Settimanale diocesano Luce e Vita. Quanto sia fondamentale il tema e l’impegno per le comunicazioni sociali è sotto l’attenzione di tutti noi: viviamo di comunicazione e comunichiamo in tanti modi perchè “non si può non comunicare”. Oggi, poi, comunichiamo anche con modalità nuove, favorite dalle nuove tecnologie che, come dice il Papa, possono favorire oppure ostacolare la comunicazione stessa, specialmente in famiglia.
Il tema della giornata è esplicitato nel messaggio di Papa Francesco, pubblicato per intero sul numero speciale di Luce e Vita di domenica 17 maggio («Comunicare la famiglia: ambiente privilegiato dell’incontro nella gratuità dell’amore»), in cui il Papa centra tutta l’attenzione sulla famiglia quale spazio naturale in cui si impara a comunicare con i diversi linguaggi: quello del corpo, delle relazioni, della preghiera, anche della malattia. Ed egli individua anche gli ostacoli e le opportunità rappresentati dai nuovi mezzi di comunicazione. Il messaggio del Papa è stato anche presentato con un video, realizzato dall’Ufficio Diocesano Comunicazioni Sociali.
Il Vescovo, Mons. Luigi Martella, che è anche Vescovo delegato in Puglia per le Comunicazioni sociali, nel suo intervento pubblicato sul settimanale ha voluto ribadire l’importanza della comunicazione che trova proprio nella famiglia il suo grembo naturale.
La Diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi sta sviluppando una nuova attenzione sul tema della comunicazione, integrandola con gli altri ambiti della pastorale – la catechesi, la liturgia e la carità – e dotandosi di spazi tradizionali, come quelli del giornale, o digitali, come il sito web e la pagina Facebook, non per una semplice vetrina delle attività, ma come una modalità di dialogo a distanza che può rinforzare ed estendere le relazioni interpersonali, senza mai sostituirle.
Anche grazie al progetto diocesano, le parrocchie che hanno un sito web sono 26 su 36 e per tutte le altre è già pronta una piattaforma che attende di essere implementata: quasi tutte hanno una pagina Facebook, dieci parrocchie hanno un giornale, con diversa periodicità ed alcune gestiscono un canale youtube e un servizio di newsletter automatica tra gli utenti registrati.
Proprio per questa nuova esigenza pastorale sono state individuate nuove figure di operatori: gli Animatori della Comunicazione e della Cultura i quali, dopo un percorso formativo laboratoriale, riceveranno dal Vescovo, per la prima volta in Diocesi, un esplicito mandato, durante la celebrazione dei Vespri di sabato 16 maggio, ore 17, presso il Seminario vescovile di Molfetta (informazioni e materiali su www.diocesimolfetta.it). Nella giornata di Domenica gli animatori presenteranno la giornata delle comunicazioni in ciascuna parrocchia con stand e interventi durante le Sante Messe.

Uno spazio di comunicazione nella diocesi è il settimanale Luce e Vita, con i suoi inserti per giovani e ragazzi: esso occupa, da oltre 90 anni, un posto d’onore nella comunicazione diocesana, non soltanto per la sua “anzianità di servizio”, quanto per la sua voglia di suscitare riflessione, approfondimento, confronto, oltre la notizia immediata, e, se possibile, tracciare costantemente il filo rosso che lega le parrocchie alla vita della diocesi, delle città e del Paese. Per questo è importante farlo proprio, familiarizzare, prenderlo ogni domenica, sentirlo amico in ciascuna parrocchia, nelle associazioni e nelle famiglie. Solo per domenica 17, presso le parrocchie o inviando una mail a luceevita@diocesimolfetta.it, sarà possibile sottoscrivere un abbonamento promozionale da giugno a dicembre (22 numeri) ad un costo simbolico di 10 euro.

Comunicato stampa della Diocesi di Molfetta-Giovinazzo-Ruvo-Terlizzi

Puoi anche leggere ...

Per inviare un commento, completa il seguente form

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori devono essere compilati