Convegno Regionale di AC, crescere come giovani adulti: educare, scegliere, essere responsabili

Download post in pdf

Giovani adulti, come educarli a vivere le situazioni della vita. Ripartire, dall’educazione all’attesa, alla speranza, alla responsabilità e all’ascolto. Come essere educatori. Cosa vuol dire scegliere: essere creativi e ascoltare la voce dello Spirito Santo.

Numerosi sono stati gli spunti di riflessione e le metodologie di applicazione comportamentale che il Convegno Regionale di Azione Cattolica «L’avventura del crescere. Opportunità e scelte per diventare ed essere adulti», tenutosi lo scorso 11 ottobre a Gravina di Puglia, ha offerto ai partecipanti. Per l’occasione sono stati previsti diversi momenti: da un lato la Delegazione regionale e il Comitato Presidenti diocesani hanno preparato l’incontro-festa regionale del prossimo giugno 2016, dall’altro la mattina si sono svolti il Convegno Regionale Giovani/Adulti, l’incontro regionale delle Equipe diocesane ACR, l’incontro regionale del MSAC (Movimento Studenti di AC) e l’elezione degli incaricati regionali del MSAC.

In particolare, il Convegno regionale è stato focalizzato sulla realtà dei giovani adulti, sulle modalità che si potrebbero applicare per aiutarli e accompagnarli nella crescita in una società contemporanea secolarizzata, relativistica e sempre più confusionaria. «Appare evidente come il comportamento dei nostri giovani sia caratterizzato da sentimenti si sfiducia e timore che determinano, di conseguenza, atteggiamenti di non-impegno e scelte di situazioni accomodanti. Infatti, le parole crescita, maturazione, adulto, scelta, responsabilità, scelta, impegno possono provocare nei giovani proprio i sentimenti di angoscia, ansia, timore – ha spiegato nel primo intervento il prof Luigi Russo dell’Istituto  IRCCS “E. Medea” di Brindisi, psicologo e psicoterapeuta -. Perciò, è importante puntare sull’educazione, occupandoci dei significati che il giovane adulto conferisce al contesto attuale e alle sue molteplici situazioni». Educare vuol dire insegnare ai giovani adulti come vivere e abitare le nuove situazioni di disagio: «bisogna educare a gestire e non avvilire il giovane adulto – ha continuato il prof. Russo -, sempre più preda di sentimenti come assenza, precarietà e disagio, emozioni come demotivazione e ansia, fretta nelle scelte e atteggiamenti del tipo “non sono in grado”, “non mi fido”, “prendo ciò che ho”, “meglio cullarsi”».
È necessario ripartire, dunque:

1. dall’educazione all’attesa, ovvero dal saper abitare il disagio;
2. dall’educazione alla speranza, ovvero far capire che desiderare è saper stare in una situazione di disagio e attendere/sperare, dando così spazio agli altri: in questo modo, si può annullare il dilagante egocentrismo e favorire l’allocentrismo e la condivisione del desiderare;
3. dall’educazione alla responsabilità, all’ascolto dell’altro (empatia, ovvero capire cosa prova l’atra persona da un punto di vista cognitivo ed emotivo), all’essere comunità e a rispettare le cose perché sono di tutti.

Perciò, un educatore e, in particolare, un educatore di Azione Cattolica dovrebbe avere un atteggiamento esplorativo e non solo esplicativo, ha concluso il prof. Russo, perché «un esploratore educatore sonda i significati delle emozioni dell’altro, motiva le scelte, non costringe, non impone un solo punto di vista e ipotizza soluzioni diverse, dando una alternativa di lettura». Ma cosa vuol dire essere adulti e operare delle scelte, ovvero fare discernimento? Scegliere ascoltando la volontà di Dio: una frase che potrebbe sintetizzare l’intero intervento del prof. Giovanni Grandi, professore di Filosofia Morale all’Università degli Studi di Padova.
Spiegando alcuni passaggi della «Repubblica» di Platone e la «Summa Theologia» di Tommaso D’Acquino, che racchiude gran parte dei concetti chiave dell’antropologia cristiana, ha affermato che «l’uomo è libero di scegliere ed è padrone di quello che fa», essendo stato creato a immagine di Dio. Se l’uomo è “immagine di Dio”, allora anche l’uomo è contraddistinto dalla dinamica della creatività, cioè «può scegliere e creare cose nuove che sono buone e in cui si riconosce come creatura».
«Una scelta è buona quando è pienamente creativa. Per prendere delle buone decisioni è opportuno ascoltare ciò che si muove dentro, il proprio spazio di comprensione interiore: capire, insomma, se la scelta da operare è “cosa buona e giusta”, se ciò che facciamo è volontà di Dio – ha meglio spiegato il prof. Grandi -. Occorre fare un vero e proprio esercizio spirituale, ascoltando la voce del Signore a prescindere da quello che possono essere i pensieri del momento o le emozioni. Dobbiamo educare ad educarsi ad ascoltare l’interiorità».
Per capire, poi, la bontà di una scelta si possono ascoltare i segnali della vita, «come sono andate le cose»: se ci sono stati ripensamenti, quali sono state le reazioni del contesto (ascoltare gli altri, crescere in sapienza come comunità), quali sentimenti quella scelta ha provocato. «La scelta è stata buona se si è creato qualcosa di buono, se ha determinato un sentimento di gioia – ha concluso il prof. Grandi -. Scegliere da adulti cristiani vuol dire non solo operare delle scelte creative, cioè buone e conformi alla volontà del Signore, in ascolto della Spirito Santo, ma anche saper discernere senza andare a casaccio tra i propri sentimenti».

Nel pomeriggio, dopo un momento di convivialità comunitaria e la celebrazione eucaristica presieduta da Mons. Giovanni Ricchiuti, vescovo di Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti, si sono svolti interessanti workshop sui temi del lavoro, dell’attivismo socio-politico, della sessualità, dell’impegno associativo e della vita spirituale per i giovani adulti.

di Marcello la Forgia (Responsabile Equipe parrocchiale delle Comunicazioni Sociali)

Puoi anche leggere ...

Per inviare un commento, completa il seguente form

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori devono essere compilati