Convegno diocesano: educare alla carità

Download post in pdf
Si svolgerà giovedì e venerdì 18 e 19 settembre, alle ore 19 nell’Auditorium diocesano “Regina Pacis” di Molfetta, il convegno diocesano di inizio anno, destinato agli Operatori pastorali, sacerdoti, religiosi e laici.
Si dà così avvio al terzo anno del progetto pastorale diocesano «Alla scuola del Vangelo: educarsi per educare», incentrato sull’ambito della carità, impegno del singolo credente e di tutta la comunità a tra-ducere nella quotidianità l’essere cristiani. La fede che nasce dall’ascolto (primo anno) e si conferma nella celebrazione del Signore della vita (secondo anno), solo nella testimonianza dell’amore si irrobustisce e produce i frutti che generano ulteriori semi di speranza (terzo anno).
Il tema annuale, «…e si prese cura di lui. Educare alla Carità», tratto dalla parabola del Buon Samaritano, è stato già introdotto a giugno, con la coinvolgente relazione di Mons. Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento e presidente della Fondazione Migrantes.
La carità si fa sempre all’interno di relazioni umane: relazioni interpersonali, sociali, politiche, nella storia concreta di un tempo e di uno spazio. In tal modo, la carità narra che Dio è amore (1Gv 4,16), e trova in Gesù Cristo la sua pienezza; nel prossimo anno pastorale, certo, ci sarà data occasione per verificare lo stato delle nostre caritas e la consistenza delle nostre azioni caritative. Ma educare alla carità non può assolutamente significare limitarsi a raccogliere, magari lamentandosi, dati utili per sapere cosa si è fatto e che cosa la Caritas diocesana o parrocchiale non ha fatto e dovrebbe fare.
Nella prima serata, giovedì, sarà Mons. Francesco Soddu, direttore della Caritas Italiana, a soffermarsi sul tema del convegno e ad offrire chiavi di lettura delle diverse fenomenologie che caratterizzano le molteplicità povertà e l’impegno principalmente educativo, prima che assistenziale, che deve essere messo in atto dalla Chiesa che, come spesso ricordato da papa Francesco, non è una mera onlus di assistenza sociale.
Nella seconda serata i convegnisti si divideranno in gruppi di studio su sei ambiti della carità: minori, famiglia, povertà, anziani, disabili, migranti. I gruppi si confronteranno a partire dalle seguenti domande:
  • in che modo le comunità ecclesiali possono rispondere a vecchie e nuove povertà, trovando percorsi di cambiamento innovativi ed efficaci?”;
  • cosa manca alla nostra azione educativa? Cosa non serve? Cosa cambiare?”.
Concluderà il convegno il Vescovo, Mons. Luigi Martella, raccogliendo i lavori dei gruppi e anticipando le linee pastorali per l’anno che saranno puntualmente esplicitate ed argomentate con la sua prossima lettera pastorale.
Una delle scelte forti che saranno compiute è quella di rilanciare il volontariato, debitamente motivato e preparato, che il Progetto Pastorale diocesano dichiara con questa affermazione: “Ciò che il volontariato testimonia altro non è che il paradigma della vita personale e lo stile con cui vivere le relazioni anche nella professione, nella quotidianità della vita. É necessario che riemerga la funzione pedagogico-educativa del volontariato” (PP 2.3).Tra ottobre e novembre, infatti si svilupperà in diocesi un articolato percorso di formazione al volontariato.

Puoi anche leggere ...

Per inviare un commento, completa il seguente form

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori devono essere compilati