Cenacoli di preghiera, si riprende a febbraio: la Parola di Dio per il territorio parrocchiale

Download post in pdf

Una delle tante particolarità della Parrocchia San Bernardino è la realizzazione dei Cenacoli di Preghiera nelle case delle famiglie del territorio parrocchiale, espressione di quella che Papa Francesco chiama “Chiesa in uscita”: una Chiesa vicina alla persone che, con il suo peregrinare, annuncia in modo incessante la Parola di Dio. Da quattro anni, con sempre maggiore intensità, impegno e sacrificio, i Cenacoli sono animati da  alcuni parrocchiani volontari (i cosiddetti “cenacolisti”) che, guidati dallo Spirito Santo, rendono possibile questi momenti di Grazia. E, proprio con il mese di febbraio, riprenderanno i cenacoli in preparazione alla Santa Pasqua (successivi a quelli che si sono tenuti nei mesi di ottobre e novembre 2016), in cui sarà portato di casa in casa il crocifisso di San Damiano custodito in Parrocchia.
I Cenacoli di Preghiera si svolgono nelle case di alcune famiglie del territorio parrocchiale che ospitano, per l’occasione, amici e residenti del condominio. Sono  momenti di preghiera (recita del Santo Rosario) e meditazione della Parola giornaliera (lettura del Vangelo del giorno), culminando con un momento di riflessione e confronto, in cui si condividono opinioni ed esperienze sulla base della Parola di Dio. Al giorno d’oggi, il mondo ha bisogno di pregare e meditare: poi, qual gioia più bella è farlo con i propri cari e i parrocchiani!
I “cenacolisti”, subito dopo Pasqua, saranno operativi anche a maggio con i Cenacoli Mariani, proprio nel mese dedicato alla Vergine Maria. Durante i Cenacoli mariani, oltre la preghiera e la meditazione, la famiglia ospita l’immagine della Madonna: questo dimostra che Maria è sempre disposta a venirci incontro, senza guardare la nostra posizione.
Questi momenti di Preghiera recano benefici spirituali a coloro che vi partecipano e, in particolare, alla famiglia ospitante,centro del focolare domestico, offrendo la gioia vera che solo il Signore può donare. Inoltre, è doveroso un grande ringraziamento, oltre alle famiglie, ai volontari parrocchiali che sono portatori di Cristo, Parola Incarnata, che visitano le famiglie del territorio parrocchiale: la Misericordia di Dio manifestata attraverso questi uomini.

di Anna Maria Caputi

 

Puoi anche leggere ...

Per inviare un commento, completa il seguente form

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori devono essere compilati